Itinerario a Tokyo di 4 giorni: cosa vedere

itinerario tokyo 4 giorni

Quando si visita Tokyo, è difficile immaginare che la città, ora così densamente popolata e sviluppata, sia stata quasi completamente distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale. I bombardamenti intensivi hanno lasciato gran parte di Tokyo in rovina. Tuttavia, il periodo del dopoguerra ha segnato l’inizio di una ricostruzione rapida e ambiziosa, trasformando le devastazioni in un’opportunità per modernizzare la città.

La rinascita di Tokyo nel dopoguerra è stata impressionante. Le autorità cittadine hanno approfittato della necessità di ricostruire per implementare piani urbanistici che hanno dato forma alla metropoli moderna di oggi. Edifici alti, strade più larghe e infrastrutture migliorata sono solo alcune delle trasformazioni che hanno permesso a Tokyo di diventare una delle città più avanzate e vivibili del mondo.

Aspetta viaggiatore! Non dimenticare la polizza!

Non dimenticare di portare in viaggio un’ottima assicurazione multi-rischio: bastano pochi secondi per un preventivo che può letteralmente salvarti la vita. E costa meno di quello che pensi!
Frontier è solida, sicura ed italiana

Ciò che resta della Tokyo tradizionale può essere però ritrovata nei quartieri di Yanaka, Nezu e Sendagi e ad Asakusa. Queste zone sono in netto contrasto con le più caotiche e affollate Shibuya e Shinjuku. Nelle strade di questi quartieri rimarrete folgorati dalle scritte luminose e dalle orde di persone che, sempre con l’ordine e la pacatezza che caratterizzano i giapponesi, che le popolano. Harajuku e Akihabara, note per essere i fulcri della stile kawii , dei cosplay e dei manga.

Il viaggio culinario qui è altrettanto emozionante, con una gamma di opzioni che va dai piatti di sushi freschissimo alle tipiche bancarelle di strada che troverete nel mercato di Tsujiki e in tutta Tokyo.

Un itinerario di quattro giorni in questa città permette di sperimentare un assaggio della sua vivace atmosfera anche se servirebbe molto più tempo per visitare e soprattutto comprendere questa città, che non sempre viene apprezzata immediatamente.

Quanti giorni occorrono per visitare Tokyo?

quanti giorni servono per visitare tokyo?
Un’affollata via di Shinjuku

Non basterebbe una vita per vedere tutto ciò che Tokyo ha da offrire! La città come abbiamo già accennato è davvero enorme e sono veramente tantissime le cose da vedere. Abbiamo scelto un itinerario di 4 giorni in quanto è il tempo minimo necessario per visitare le zone principali e per entrare nel mood di questa grande e affascinante metropoli. Non sempre ci si innamora di questa città a prima vista, anche se se questo non è stato il mio caso. Ci si deve ritagliare del tempo per poterla apprezzare a pieno.

Inoltre 4 giorni sono quelli che generalmente si hanno a diposizione se Tokyo è inserita all’interno di un tour più ampio del Giappone. Se avete più tempo, però, potrete arricchire il tour con musei, quartieri e attrazioni.

Quanto costa un viaggio a Tokyo?

Normalmente si pensa che il Giappone sia costosissimo. In realtà, pur essendo molto più caro di altre destinazioni in Asia, i prezzi sono piuttosto contenuti rispetto alle principali capitali europee e all’Italia stesse. Ovviamente questo dipende dal periodo in cui si sceglie di visitare la città e dalla zona in cui si vuole alloggiare. In bassa stagione si possono trovare buone sistemazioni a prezzi davvero contenuti rispetto a quelli dei nostri hotel. Ovviamente in primavera, e in particolare nelle Golden Week, i prezzi sono decisamente più alti.

Il prezzo del volo ha ovviamente un enorme peso sul costo complessivo della vacanza. Mediamente questi sono aumentati di parecchio rispetto a prima della pandemia, in particolare quelli verso l’Asia. Può accadere, però, che monitorandoli frequentemente si trovino buone offerte per la bassa stagione.

Per quanto riguarda il cibo, si può spendere davvero poco come tantissimo, dipende dalle proprie esigenze. Se viaggiate in inverno il ramen può essere una soluzione ideale per spendere poco e avere un pasto sostanzioso e davvero buonissimo. Se volete invece risparmiare al massimo potete optare per i convienence store come il Seven-Eleven e il Family Mart. Ci sono poi ristoranti di sushi e non a prezzi esorbitanti, dipende quindi da cosa si sceglie di fare.

Infine, i trasporti all’interno della città hanno prezzi medi. Se avete il JRpass potete prendere gratuitamente le linee JR della città. Per tutte le altre è necessario fare un biglietto a parte.

Itinerario di 4 giorni a Tokyo

In questo itinerario abbiamo cercato di concentrare le zone da non perdere della capitale. Ovviamente queste sono state scelte anche in base ai nostri gusti. Ad esempio Akihabara, il quartiere dei manga e degli anime, che, pur non essendone una gran fan, ho trovato interessantissimo, può essere sostituito con qualcos’altro. Inoltre consiglio vivamente di includere nel vostro soggiorno a Tokyo una gita fuori porta che può essere ad esempio a Nikko, Kamakura o Yokohama.

Giorno 1 Palazzo Imperiale, Akihabara, Roppongi e Tokyo Tower
Giorno 2 Shibuya, Harajuku e Shinjuku
Giorno 3 Asakusa, Ueno e Tokyo Skytree
Giorno 4 Shimbashi o Ginza, Tsukiji e Odaiba

Giorno 1

Il primo giorno del viaggio a Tokyo si apre con una visita al Palazzo Imperiale, situato nel cuore della metropoli. Questo luogo, immerso in vasti giardini e circondato da antichi fossati, offre uno spaccato della storia e dell’architettura giapponese.

Dopo aver esplorato il palazzo, il percorso si sposta verso Akihabara, un quartiere noto per la sua cultura pop e i negozi specializzati in elettronica, manga e anime.

zojo ji tokyo tower
Il tempio di Zōjō-ji con la Tokyo Tower di sfondo

La tappa successiva è il tempio di Zōjō-ji, un sito di profonda importanza storica e spirituale, sotto l’ombra imponente della Tokyo Tower. Qui, i visitatori possono riflettere sulla tranquillità del luogo e ammirare l’armonia tra tradizione e modernità. Successivamente, vi consiglio di salire sull’osservatorio della Tokyo Tower per godere di una vista mozzafiato sulla città.

La giornata si conclude nel dinamico quartiere di Roppongi, noto per la sua scena artistica e i locali notturni. Questo quartiere offre una varietà di opzioni per cenare, oltre a gallerie d’arte e spazi culturali, perfetti per immergersi ulteriormente nello spirito cosmopolita di Tokyo.

Giorno 2

Il secondo giorno del tour a Tokyo inizia nel vivace quartiere di Shibuya, famoso per il suo incrocio pedonale, uno dei più affollati al mondo, dove si osserva il flusso incessante di persone che si incrociano in un modo sorprendentemente ordinato. A pochi passi dal crocevia si trovano numerosi negozi, caffetterie e ristoranti che riflettono l’energia giovanile del quartiere.

Proseguendo verso nord, si raggiunge Harajuku, il cuore pulsante delle sottoculture giovanili e della moda eccentrica. Takeshita Street, una strada stretta e sempre affollata, offre una varietà di negozi che vendono abbigliamento unico e accessori alla moda, oltre a dolci creativi come crêpes decorate e caramelle colorate. Harajuku è anche un luogo di contrasti, dove la moda di strada si fonde con spazi più tranquilli come i caffè nascosti e le piccole gallerie d’arte.

harajuku tokyo
Takeshita Street, una delle vie più pazze di Tokyo

A breve distanza si trova il santuario Meiji, un’oasi di pace nel mezzo dell’effervescenza di Tokyo. Immerso in un parco forestale, questo santuario shintoista è dedicato agli spiriti dell’Imperatore Meiji e della sua consorte. Con i suoi sentieri tranquilli e i suoi monumenti solenni, il Meiji Jingu invita alla riflessione e al raccoglimento.

La giornata si conclude a Shinjuku, un altro volto dinamico di Tokyo, noto per il suo distretto amministrativo e la vita notturna. Il quartiere offre da vedere il municipio di Tokyo, con la possibilità di salire ai piani superiori per una vista panoramica della città, e la frenetica Shinjuku Station, circondata da luci al neon, grandi magazzini e piccoli izakaya (taverne giapponesi) che animano le serate. Da non perdere è il Golden Gai, un piccolo distretto nel quali si trovano concentrati piccolissimi locali nei quali bere e divertirsi, attenzione però a quali scegliete!

Giorno 3

Il terzo giorno è dedicato all’esplorazione di alcune delle zone più tradizionali e culturalmente ricche di Tokyo, iniziando da Asakusa, uno dei quartieri più storici della città. Il fulcro di Asakusa è il Senso-ji, il più antico tempio di Tokyo, dove si possono ammirare il maestoso Kaminarimon (Porta del Tuono) e una serie di negozi che vendono artigianato tradizionale e snack locali lungo Nakamise-dori. Questa area offre un’immersione nella Tokyo di un tempo con la sua atmosfera nostalgica e le sue strette vie laterali piene di piccoli ristoranti e bar.

senso ji tokyo
Il tempio di Senso-ji e la sua pagoda

Proseguendo verso Ueno, il programma include una visita al Parco di Ueno, noto per i suoi musei di classe mondiale, come il Museo Nazionale di Tokyo, e lo zoo di Ueno, il più antico del Giappone. Il parco è anche un luogo ideale per rilassarsi e godersi la natura, specialmente durante la stagione dei ciliegi in fiore, quando diventa uno dei siti più popolari per il “hanami”, la tradizionale osservazione dei ciliegi in fiore.

La giornata si conclude con l’ascensione alla Tokyo Skytree, la torre più alta del Giappone. Offre una vista panoramica impressionante su Tokyo dal suo osservatorio. Ai piedi della torre, il complesso Tokyo Skytree Town include un acquario, planetario e una vasta gamma di negozi e ristoranti, che offrono divertimento e gastronomia per concludere il giorno con un tocco di modernità. Il mio consiglio è quello di entrare durante a fine giornata e aspettare che tramonti del tutto il sole.

Giorno 4

Il quarto giorno si apre con una visita a Shimbashi o Ginza. Shimbashi è un quartiere d’affari con una forte presenza di salaryman e piccoli izakaya, dove si può assaporare la vita quotidiana dei lavoratori di Tokyo. Ginza, d’altra parte, rappresenta il lato più elegante e sofisticato della città, con i suoi grandi magazzini di lusso, gallerie d’arte e caffetterie chic. Quest’area è un vero paradiso per gli appassionati di shopping e per chi cerca esperienze culinarie raffinate nei suoi numerosi ristoranti stellati Michelin.

Proseguendo, la tappa successiva è Tsukiji, famosa per il suo ex mercato del pesce. Oggi è luogo ideale per la pausa pranzo grazie alle sue numerose bancarelle di cibo e ristorantini specializzati in piatti a base di pesce fresco. Sebbene il mercato all’ingrosso si sia trasferito a Toyosu, Tsukiji rimane un luogo imperdibile per gustare sushi e sashimi tra i migliori della città. Mi raccomando, non abbuffatevi alle prima bancarella ma assaggiate più cose, ce n’è davvero per tutti i gusti!

tsukiji tokyo
Una tipica locale nel mercato di Tsukiji

Il giorno si conclude con una visita a Odaiba, un’isola artificiale nella baia di Tokyo che offre una varietà di attrazioni. Odaiba è nota per il suo ambiente futuristico, con architetture moderne come il Palazzo del Fuji TV e la replica della Statua della Libertà. La zona offre anche molte opportunità di shopping e svago, tra cui centri commerciali, il Museo della Scienza, e la spiaggia urbana, da cui si possono ammirare viste spettacolari sul Rainbow Bridge e sulla skyline di Tokyo. Non troppo lontano trovate pure TeamLab, uno dei musei interarattivi èiù amati al mondo, ma che, devo essere sincera, non ho mai visitato.

Per viaggiare sicuri in Giappone è importante stipulare una buona assicurazione viaggio prima di partire. La sanità giapponese è privata e può avere dei costi davvero alti. Proprio per questo risulta indispensabile acquistare un’assicurazione sanitaria viaggio per il Giappone, che garantisca la copertura completa delle spese mediche e altre importanti garanzie come il rimpatrio sanitario.